Tradizione e prestigio in scena a Siena

Le origini di un luogo rappresentano il legame fra passato e presente, quel sodalizio che si mantiene vivo nello stile, nella cura dei dettagli e nell'attenzione verso gli ospiti, proprio come accade a Palazzo Coli Bizzarrini, la cui storia ci conduce lontano, nella Siena rinascimentale.

È in quel periodo di grande fermento artistico che nasce il progetto di Palazzo Francesconi, avviato da Baldassarre Peruzzi, uno degli architetti che ha lasciato la propria impronta nella storia d'Italia, il quale affidò il compimento dell'opera al suo miglior allievo, Pietro Cattaneo.

Palazzo Coli Bizzarrini suggestiona i visitatori attraverso il fascino dell'incompiuto: inizialmente la facciata a sud del Palazzo si sarebbe dovuta estendere fino a incorporare i due edifici già esistenti collocati a est, allo scopo di omaggiare la magnificenza del committente Bernardo Francesconi.

Oggi il Palazzo rimane una delle opere più rappresentative dello stile architettonico del XVI secolo tramutato in una struttura ricettiva dai servizi impeccabili. La storia di questa residenza si intreccia con i tesori della città, infatti presso il Museo del Palazzo Pubblico di Siena è custodita la medaglia con l'effigie del Francesconi e la data della posa della prima pietra, il 1520.

In virtù delle peculiarità della struttura, il Palazzo è sottoposto a vincolo ai sensi della Legge n. 1089 del 01/06/1939 per la "Tutela delle cose d'interesse artistico e storico", riconoscimento ufficiale dell'esclusività di questa residenza.

Oggi il Palazzo Coli Bizzarrini è una delle testimonianze più floride del Rinascimento a pochi metri dai grandi capolavori di Siena.

Prenota Chiama
powered by

Gallery